Autodisciplina per il gioco d’azzardo e la pubblicità

pubblicità gioco d'azzardo

Quando si parla di autodisciplina e di pubblicità per il gioco e per i migliori casino online con bonus sembra sempre che si parli di qualcosa di estremamente astratto e pure “disdicevole”, almeno qui nel nostro Paese e, sinceramente, non si capisce bene il perchè: in altre realtà, anche perché incoraggiato da diverse direttive europee, questo ruolo tende ad essere assai importante sopratutto quando si parla di armonizzazione regolatoria.

La Spagna per esempio è un Paese all’avanguardia su questo argomento, in quanto sono assai numerosi gli accordi stipulati tra Autorità Pubbliche ed Autodisciplina pubblicitaria in diversi comparti di controllo, dalla pubblicità finanziaria a quella del gioco, con vincita in danaro, che in questo momento ci interessa particolarmente e sulla quale si vorrebbe vedere più realistica attenzione. E questo poiché nel nostro Paese, insieme ad una futuribile riforma del settore ludico, si accompagna gioco-forza l’argomento “pubblicità” che va assolutamente normato in modo preciso e trasparente.

Molto probabilmente l’esperienza spagnola, legata anche al mondo dei casino online legali, potrebbe essere seguita come modello, secondo il parere dell’Agcom: poiché lo Stato non ha posto divieto assoluto nel settore del gioco relativo alla pubblicizzazione dei suoi prodotti, ma ha optato per regolamentarne i contenuti ed i modi di diffusione, la norma IAP sul gioco e l’esperienza autodisciplinare acquisita dal 2012 rappresentano esattamente uno specifico know how di cui il sistema, nella sua interezza, può beneficiare.

Risulta, altresì, opportuno il supporto pratico che l’Autodisciplina può offrire alle aziende circa la formulazione di precisi messaggi, con pareri preventivi prima della loro diffusione, e questo con la certezza di seguire pedissequamente le direttive autodisciplinari ed anche quelle di legge. E si ribadisce ancora che in questo caso, con la sua notevole esperienza di co-regolamentazione, la direttiva spagnola potrebbe proprio fungere da “faro” e far seguire la “sua luce”.

Per entrare nel dettaglio dell’Autodisciplina spagnola, anche nel campo dei casino online autorizzati, si può dire che la stessa ha siglato un accordo con il Ministero dell’Economia di mutua collaborazione in materia del gioco e della sua pubblicità. Viene attribuito all’autodisciplina il compito preventivo di verificare i messaggi: il cui parere non impedisce naturalmente “all’autorità statuale di intervenire successivamente, ma attribuisce al messaggio approvato una sorta di presunzione di correttezza” e di “attestazione di buona fede dell’azienda committente”. Praticamente, questo strumento evita la nascita di eventuali contenziosi facendo risalire i messaggi agli standard di correttezza ed evitando, quindi, qualsiasi “contraccolpo economico”.

Da queste precisazioni interessanti nel loro insieme, si può affermare che l’esempio spagnolo dimostra da tanto tempo che l’Autodisciplina pubblicitaria è una vera e propria risorsa per i consumatori, per le aziende ed anche per lo Stato per l’ultimo motivo esposto: un’azione di “controllo del contenzioso”. Ha procedure snelle ed efficaci e non costa alcunché al contribuente. Ed a questo punto gli organismi pubblici si devono rendere conto che le dinamiche sociali ed economiche del nostro tempo rendono assolutamente superata la visione solo statualistica del diritto e questo accogliendo anche, e con tanto rispetto, i numerosi appelli che la Comunità Europea rivolge agli Stati membri: principalmente quello di collaborare con le autodiscipline nazionali. Di conseguenza, anche in Italia, si dovrà trovare un dialogo per trovare forme efficaci di co-regolamentazione nell’interesse ovviamente di tutti, in generale.